Orari dell’estate 2017

Dal 31 luglio all’8 settembre la Biblioteca musicale “Andrea Della Corte” modificherà gli orari di apertura al pubblico.

In evidenza / Lascia un commento

Orari dell’estate 2017

Dal 31 luglio all’8 settembre la Biblioteca musicale “Andrea Della Corte” modificherà gli orari di apertura al pubblico.

In evidenza / Lascia un commento

La verità, vi prego, sulla musica

Di Laura Ventura.
Uno degli ultimo contributi di Paolo Albera mi ha ispirato. Paolo, oltre a essere uno scrittore che ha la capacità di farti sentire a casa, è un commentatore ironico e garbato: questo è il mio like per sempre, a compensare la circostanza che mi ostini a non voler mettere alcun commento ai suoi post (e ai post di chiunque altro).

La verità, vi prego, sulla musica

Di Laura Ventura.
Uno degli ultimo contributi di Paolo Albera mi ha ispirato. Paolo, oltre a essere uno scrittore che ha la capacità di farti sentire a casa, è un commentatore ironico e garbato: questo è il mio like per sempre, a compensare la circostanza che mi ostini a non voler mettere alcun commento ai suoi post (e ai post di chiunque altro).

Visioni musicali

Di Paolo Albera.
Indagine su un grande mistero: il rapporto tra musica e arti visive. “Visioni musicali” è una raccolta di saggi a cura di Francesco Tedeschi e Paolo Bolpagni (V&P Editore) che passa in rassegna un centinaio d’anni di tentativi per aprire una rotta di collegamento tra questi due continenti dei sensi…

Visioni musicali

Di Paolo Albera.
Indagine su un grande mistero: il rapporto tra musica e arti visive. “Visioni musicali” è una raccolta di saggi a cura di Francesco Tedeschi e Paolo Bolpagni (V&P Editore) che passa in rassegna un centinaio d’anni di tentativi per aprire una rotta di collegamento tra questi due continenti dei sensi…

Le note sono sette, gli accordi sono quattro…

Di Paolo Albera.
La musica necessariamente si ripete, le combinazioni di note che gli autori compongono sono spesso inconsapevolmente “simili” a melodie che inconsciamente li hanno influenzati. Coincidenza o plagio? Ecco qualche esempio…

Le note sono sette, gli accordi sono quattro…

Di Paolo Albera.
La musica necessariamente si ripete, le combinazioni di note che gli autori compongono sono spesso inconsapevolmente “simili” a melodie che inconsciamente li hanno influenzati. Coincidenza o plagio? Ecco qualche esempio…

Percezioni ultimo

Di Laura Ventura.
Marcello: Dove vi siete conosciuti?
Loredana: In biblioteca
Marcello: Ah, anche lei appassionata di letteratura?
Loredana: No, appassionata di stipendio, lì ci lavoro

Percezioni ultimo

Di Laura Ventura.
Marcello: Dove vi siete conosciuti?
Loredana: In biblioteca
Marcello: Ah, anche lei appassionata di letteratura?
Loredana: No, appassionata di stipendio, lì ci lavoro

Animali

Di Maurizio Ninghetto.
I grandi compositori hanno dedicato moltissime opere agli animali, cercando di riprodurne i versi nelle loro composizioni. Eccone alcune…

Animali

Di Maurizio Ninghetto.
I grandi compositori hanno dedicato moltissime opere agli animali, cercando di riprodurne i versi nelle loro composizioni. Eccone alcune…

Percezioni 2

Di Laura Ventura.
Bastava conoscere il molto criticato progetto del nuovo teatro, le possibilità organizzative e finanziarie del Comune, l’eterogeneità della Giunta comunale per non credere alla vanità di certe previsioni

Percezioni 2

Di Laura Ventura.
Bastava conoscere il molto criticato progetto del nuovo teatro, le possibilità organizzative e finanziarie del Comune, l’eterogeneità della Giunta comunale per non credere alla vanità di certe previsioni

Federico Fiumani. Dov’eri tu nel ’77?

Di Paolo Albera.
“Dov’eri tu nel ’77?”: una raccolta di appunti, poesie, aneddoti sui Diaframma, pagine dedicate a due grandi “motori” dell’esistenza di Federico Fiumani: le donne, la musica.

Federico Fiumani. Dov’eri tu nel ’77?

Di Paolo Albera.
“Dov’eri tu nel ’77?”: una raccolta di appunti, poesie, aneddoti sui Diaframma, pagine dedicate a due grandi “motori” dell’esistenza di Federico Fiumani: le donne, la musica.

Percezioni 1

Di Laura Ventura.
Percezione in Treccani: dal lat. perceptio-onis, der. di percipĕre «percepire», part. pass. perceptus. L’atto del percepire, cioè del prendere coscienza di una realtà che si considera esterna attraverso stimoli sensoriali analizzati e interpretati mediante processi intuitivi, psichici, intellettivi […]

Percezioni 1

Di Laura Ventura.
Percezione in Treccani: dal lat. perceptio-onis, der. di percipĕre «percepire», part. pass. perceptus. L’atto del percepire, cioè del prendere coscienza di una realtà che si considera esterna attraverso stimoli sensoriali analizzati e interpretati mediante processi intuitivi, psichici, intellettivi […]

Marinella Venegoni ci parla di… Laurie Anderson

Di Renzo Bacchini.
L’appuntamento periodico con Marinella Venegoni ci permette di introdurre una delle più note giornaliste e croniste musicali italiane, nonché una delle più generose donatrici di materiale bibliografico e discografico che la Biblioteca Musicale di Torino possa vantare.

Marinella Venegoni ci parla di… Laurie Anderson

Di Renzo Bacchini.
L’appuntamento periodico con Marinella Venegoni ci permette di introdurre una delle più note giornaliste e croniste musicali italiane, nonché una delle più generose donatrici di materiale bibliografico e discografico che la Biblioteca Musicale di Torino possa vantare.

Rossini, Bauman e il piacere per il cibo

Di Laura Ventura.
Non risulta che Rossini abbia mai patito di sensi di colpa per la sua passione culinaria. Ma forse il mondo liquido, narcisista e scisso di Bauman non era poi così lontano.

Rossini, Bauman e il piacere per il cibo

Di Laura Ventura.
Non risulta che Rossini abbia mai patito di sensi di colpa per la sua passione culinaria. Ma forse il mondo liquido, narcisista e scisso di Bauman non era poi così lontano.

Percezioni 0

Di Laura Ventura.
Noi della Biblioteca musicale siamo fortunati.
Lavoriamo in un luogo bello. Di quella bellezza che nessuno, nemmeno l’ultimo degli idioti, potrebbe mettere in dubbio.

Percezioni 0

Di Laura Ventura.
Noi della Biblioteca musicale siamo fortunati.
Lavoriamo in un luogo bello. Di quella bellezza che nessuno, nemmeno l’ultimo degli idioti, potrebbe mettere in dubbio.