L’ultimo disco dei Mohicani e i clienti di Maurizio Blatto

Backdoor è uno dei pochi negozi di dischi rimasti a Torino. Chi abita nelle vie tra Via San Donato e Corso Regina Margherita è abituato a passarci davanti, magari dare un’occhiata ai dischi esposti.

Tutte le mattine di fronte alle vetrine si anima il mercato di Piazza Barcellona (come ricordato nel libro, la piazza è chiamata così ma non ha una targa che indichi il nome) mentre all’interno del negozio si anima un mondo in estinzione che ancora gira intorno all’oggetto che gira per eccellenza: il disco.

Maurizio lavora in questo negozio da un po’ di anni, e ha visto passare di qui clienti di ogni tipo. Quelli più “particolari” sono raccontati in questo libro edito da Castelvecchi.

Il concetto di oasi acquisisce un valore nuovo quando si varcano le porte di un negozio di dischi. Sei a casa, protetto nelle tue manie e confortato dai tuoi simili. Chi entra si compra sì una manciata di vinili o cd, ma anche quaranta minuti di Backdoor, nel senso di buon tempo correlato. Per adesso i miei dieci titoli dell’anno sono. Tra i live più brutti che ricordi. Ma se dovessi iniziare a comprare il jazz inglese. Dovendo rivalutare il synth. E avanti…

Si tratta spesso di gestire avventori fuori dalla norma: disperati, spostati, assetati di sesso, collezionisti soli, audiofili di nascosto dalla moglie… Tutte le sfumature possibili di tipi “strani”, accomunati dalla stessa malattia, che è anche medicina: la passione per la musica. Il negozio di dischi è il rifugio, occasione di evasione e valvola di sfogo per molti personaggi al limite della normalità e per questo decisamente divertenti. Tutti maschi…

Diciamoci la verità, le donne appassionate di musica ci sono, ma quelle con la scimmia del collezionismo, del possesso discografico voluttuoso, non so manco se esistano. Nelle maggior parte dei casi compatiscono mariti o compagni. Li guardano come rimbambiti che si dilettano ancora con soldatini o spingono i bottoni delle automobiline telecomandate. Un vezzo adolescenziale che non si estingue. Non capiscono.

Le frequentazioni regolari di alcuni clienti danno occasione a chi sta dietro il banco di inventare soprannomi. Per esempio gli appassionati di musica latina sono diventati Tubinho, Cretinho, El Salopete… Protagonista non è la figura del commesso del negozio di dischi del genere “Alta fedeltà”, ma è il cliente, con le sue ossessioni, le sue ostinazioni, e i suoi bizzarri modi di essere appassionato di musica.

Nella sociologia del negozio di dischi sembrano esserci solo casi particolari, dialoghi surreali, storie incredibili. Eppure ciò che esce non è il classico banale bestiario di prese in giro dei clienti, perché il narratore mantiene sempre un sommario rispetto di una mania che, in fondo, condivide anche lui.

Maurizio Blatto scrive di musica per la rivista Rumore, e insieme al “temibile” Signor Franco gestisce questo negozio di musica specializzato in vinili. Pochi anni fa questo libro è stato un piccolo fenomeno. L’autore lo ha presentato molte volte in reading in locali, librerie e radio nazionali. Il gruppo Offlaga Disco Pax ha utilizzato il capitolo “Bassline” per una canzone suonata a lungo dal vivo.

Il finale è una “foto di gruppo” che descrive brevemente una serie di clienti abituali, un saluto agli affezionati di un luogo dove non c’è un vero confine tra chi sta dietro e davanti la cassa. Chi è passato da Backdoor potrebbe davvero ritrovarsi fra queste pagine…

«Davvero ti sei laureato in Giurisprudenza e vendi i dischi? Complimenti, bella cazzata».

«Lasciatelo dire da uno che sta a uno sportello di banca, tu fai il lavoro più bello del mondo».


Collocazione nella Biblioteca Andrea Della Corte: M809 D 108 (12)

Annunci

Informazioni su Paolo Albera

Seduto sugli allora.

Un Commento

  1. Pingback: Pensieri sparsi sul Nobel a Bob Dylan | Biblioteca Musicale Andrea Della Corte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: