3 libri di Nick Hornby

Nick Hornby, inglese nato nel 1957, adora scrivere di musica, argomento principale di molti suoi libri. Un bel po’ della sua fortuna come scrittore è sicuramente dovuta al suo talento nel creare personaggi particolarmente ossessivi nel curare la loro collezione di dischi, nell’investigare i significati di una canzone, nel venerare cantanti come idoli infallibili…

Dietro l’umorismo che descrive queste manie, c’è la tipica autoironia di chi racconta di se stesso. C’è da scommettere che il signor Nick Hornby non sia molto diverso dai personaggi che racconta, almeno per quanto riguarda la “musicofilia”.

Certo in “31 canzoni” non può esserci dubbio, perché si parla di lui. Si tratta di un percorso d’ascolto a sé, una compilation che potrebbe occupare un paio di cassettine di quelle che lo scrittore amava riempire con i suoi ascolti del momento. Dai Led Zeppelin a Nelly Furtado, da Bruce Springsteen a Rod Stewart, l’autore racconta una selezione di pezzi pop/rock che secondo lui hanno un perché (e spiega il perché).

31-canzoni.jpg

Possiamo anche immaginare il rapporto di Nick Hornby con la musica proprio come quello del protagonista del suo romanzo “Alta fedeltà”. Un continuo riordinare e rimescolare la propria collezione di dischi secondo i criteri più bizzarri. Un quotidiano sfidarsi a classifiche “Top 5” a tema musicale con gli amici che condividono la sua passione. Una vita votata più o meno consapevolmente alla musica, a gestire un negozio di dischi con poco guadagno, ad amare il rock in maniera sacrale, a renderlo parte di tutte le sue avventure, tentativi, fallimenti con le ragazze.

alta fedeltà nick hornby guanda

Ma immaginiamo Hornby anche un po’ come il protagonista di “Tutta un’altra musica”, cultore esclusivo, fanatico fino a livelli di stalking per il cantautore Tucker Crowe. Crowe, sul cui culto Hornby costruisce tutta la storia, è un artista immaginario, ma è descritto in maniera talmente credibile e completa che molti lettori hanno ipotizzato che esistesse davvero, aprendo la caccia a sue notizie e materiale, una sorta di caso “Cacao Meravigliao” della narrativa.

tuttaunaltramusica.jpg

Quello stile brillante e a tratti esilarante che da sempre caratterizza la scrittura di Hornby è un pugno che tiene salda l’attenzione (e l’affezione) del lettore, la cui identità più verosimile è over 30, maschio, difficoltà sentimentali, tifoso di calcio e ascoltatore compulsivo di dischi. Ma essere anche una sola di queste cose (esiste qualcuno che non ne sia almeno una?) è condizione necessaria e sufficiente per calarsi in una qualsiasi delle sue storie.

Poiché la Biblioteca Musicale di Torino contiene molta narrativa a tema musicale, si trovano di Nick Hornby i romanzi “Alta fedeltà” e “Tutta un’altra musica”, pubblicati da Guanda come tutti i libri di questo autore in Italia. Inoltre, c’è anche “31 canzoni”, guida perfetta da accompagnare a una buona mattinata in Fonoteca, a sentire quelle canzoni lì, preferibilmente orientandosi con la sezione al fondo “Discografia” che è vietato non leggere.


Collocazioni dei libri di Nick Hornby nella biblioteca Della Corte:

“31 canzoni” – VEN 88

“Alta fedeltà” – M809 D 121 (18)

“Tutta un’altra musica” – M809 D 118 (18)

Annunci

Informazioni su Paolo Albera

Seduto sugli allora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: