La chitarra: un’introduzione

chitarra

La maggior parte delle persone associano la chitarra alla musica spagnola, alle serenate per la propria amata, ma principalmente alla versione elettrica e moderna.

Vengono alla mente nomi di famosi chitarristi di livello internazionale (Jimi Hendrix, B.B. King, Jimmy Page, Keith Richards, Van halen solo per citarne alcuni) e italiani (Franco Mussida, Ricky Portera, Dodi Battaglia, Rodolfo Maltese etc…), ma la chitarra ha origini antiche ed ha avuto un ruolo importante nella musica classica, in particolar modo nel 1600 e tra gli ultimi anni del Settecento e i primi decenni dell’Ottocento.

In questa prima parte di un percorso dedicato a questo strumento, uno tra i più espressivi, vorrei introdurvi nel magico mondo delle sei corde.

Consigliare l’ascolto di opere di chitarra non è semplice, anche perché occorre staccarsi dai propri gusti personali per poter fare una scelta di qualità obiettiva. Occorre poi tener conto di diversi fattori quali il la forma musicale, il compositore, il repertorio e l’esecutore.

La gran parte del repertorio per chitarra classica è per chitarra solista, sono state composte anche opere per chitarra ed altro strumento solista (principalmente per chitarra e violino, chitarra e flauto e chitarra e pianoforte), per chitarra e voce, per trii e anche per quartetto d’archi con chitarra.

Esistono composizioni per chitarra ed orchestra, anche se, a parte il Concerto per chitarra e orchestra n.1 op. 30 di Mauro Giuliani, hanno avuto un ruolo minore nel repertorio chitarristico.

Citare qualche autore significa sicuramente fare dei torti ad altri ma ritengo che non si possa fare a meno di Johann Sebastian Bach, Fernando Sor, Francisco Tárrega, Heitor Villa-Lobos, Joaquín Rodrigo, Leo Brouwer, Mauro Giuliani, Matteo Carcassi e Mario Castelnuovo Tedesco.

L’esecuzione del musicista rappresenta un elemento importante: un brano può assumere carattere e colori diversi a seconda dell’esecutore. Il gusto personale sul modo di suonare è un altro stimolo interessante: può piacere di più l’aspetto intimistico, piuttosto che la purezza e la cura del dettaglio, oppure può attirare di più il virtuosismo. Tra gli interpreti dei quali penso non si possa fare a meno, oltre al vertice assoluto Andrès Segovia (del quale parlerò in un capitolo a parte), troviamo John Williams, Julian Bream, David Russell, Manuel Barrueco, Eliot Fisk, Miloš Karadaglić, Ana Vidović, Andrew York e i fratelli Sérgio e Odair Assad. In Italia i virtuosi più conosciuti sono Oscar Ghiglia, Stefano Grondona, Maurizio Colonna e Frederic Zigante.

Infine, una citazione del musicista Hector Berlioz che rende perfettamente l’idea della sua considerazione e stima verso questo strumento:

«La chitarra è una piccola orchestra, uno strumento adatto sia ad accompagnare la voce
che a figurare in molti brani strumentali, così come per eseguire pezzi solisti di maggiore o minore complessità e a più parti, che possiede un indubbio fascino quando suonato da veri virtuosi. Dalla introduzione del pianoforte, in tutte le case dove esiste un interesse per la musica, la chitarra è usata con meno frequenza, tranne che in Spagna e in Italia, tuttavia il suo carattere malinconico e sognante dovrebbe più spesso potersi dispiegare»

Hector Berlioz (Grand Traité d’instrumentation et d’orchestration moderne – 1843)

Ascolti consigliati

Chi vuole avvicinarsi al vastissimo repertorio delle opere per chitarra classica, può iniziare dal pezzo più universalmente conosciuto: “Romanza” (Anonimo) chiamata anche “Giochi Proibiti”.

Da qui consiglio di proseguire con i “Quntetti con chitarra” di Luigi Boccherini, Le “Rossiniane” e i “Lieder per chitarra e voce” di Mauro Giuliani, “Recuerdo de l’Alhambra” di Francesco Tarrega, Il “Concerto de Aranjuez” di Rodrigo, e l’opera completa per chitarra sola di Heitor Villa-Lobos.

Di estremo interesse sono le interpretazioni di Narciso Yepes con la sua particolarissima chitarra a 10 corde. In tempi più recenti ritengo esemplari le opere per chitarra di Leo Brouwer.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: