Intervista a Massimiliano Francese, timpanista e percussionista

Massimiliano Francese è timpanista e percussionista nell’Orchestra della RAI e nell’Orchestra del Teatro Regio. Lo ringraziamo per aver risposto a qualche nostra domanda!

Francese Massimiliano

Come ti sei avvicinato alla musica?
Mi sono avvicinato alla musica provenendo da una famiglia di musicisti, visto che anche mio Papà, mio fratello e pure mio Zio lo sono, anche se Bassisti/Chitarristi a differenza mia che sono un Timpanista/Percussionista/Batterista;

Quando e come hai capito che la musica potesse diventare la tua professione?
Ho capito che la musica potesse diventare la mia professione quando a 11 anni, all’iniziare della 1a media, frequentando anche già da 2 anni una scuola di batteria, i miei optarono per iscrivermi al Conservatorio anzichè alla “classica” Scuola Media di quartiere frequentata da tutti i miei più cari amici d’infanzia, dove si praticava molto il gioco del calcio tra l’altro, altra mia grande passione, nonchè sogno di bambino di poter diventare un giorno anch’ ioun calciatore professionista; di conseguenza trovandomi a un bivio, dovetti rinunciare a una delle due, e visti anche i continui consensi (oltre che obbiettivamente alle maggiori possibilità di emergere), mi dedicai anima e corpo per diventare poi quello che sono tutt’ora, non tralasciando comunque mai l’altra mia passione, seppur a livello prettamente amatoriale s’intende…

Cosa apprezzi di più e cosa invece vorresti cambiare del sistema musicale a Torino?
Trovo che Torino sia la città italiana che offre la maggior scelta di musica/cultura a 360 gradi, e se non è la prima è sicuramente sul podio; di conseguenza mi ritengo soddisfatto delle varie stagioni lirico/sinfoniche che offrono le varie istituzioni classiche cittadine, così come ritengo molto esaustivi i vari festival che ci accompagnano durante l’anno (Jazz, Kappa Future, Classical ecc…), nonchè quelli tradizionalmente estivi, come ad esempio il Gru Village negli ultimi anni, oltre ovviamente ai grandi concerti Pop/Rock che per tutto l’anno ci accompagnano al PalaAlpitour piuttosto che allo Stadio Olimpico Grande Torino. La cosa che cambierei, più che riguardo al sistema musicale la cambierei a livello umano, ovvero mi piacerebbe che la “mentalità” di alcuni concittadini si trasformasse dal classico torinese provinciale (bogianen) a un torinese più aperto, più internazionale, più al passo con la vocazione che la città ha preso, sta prendendo e prenderà sempre di più dal post Olimpiadi a oggi, e più nello specifico mi piacerebbe che venissero sempre più apprezzati gli eventi anche esclusivi di cui sopra, e non come molte volte succede, intesi quasi più come fonte di “disturbo”; ad esempio si veda la famosa chiamata ai Vigili perchè la band più famosa e seguita del pianeta (gli U2), che decisero di aprire il loro tour mondiale proprio a Torino con l’unica data italiana, si videro arrivare una pattuglia perchè le loro prove finirono alle 00:05 anzichè alle 23:59, oppure idem come successe per i Blues Brothers in Piazza San Carlo, o addirittura come successe per un concerto non ricordo più se della Rai o del Regio sempre in piazza, che dovette essere accorciato “perchè se no si sarebbe sforato e si sarebbe arrivati magari a rischio multa”, ma pur sempre con 50.000 persone estasiate presenti in piazza senza oltretutto aver speso un centesimo, vista la gratuità della manifestazione…Insomma, troverei bello e arricchente, sempre ovviamente nel rispetto di tutto e tutti, che si arrivasse a un pò più di elasticità a volte, a maggior ragione se l’ evento che viene proposto, può portare ancor più la città ad essere conosciuta e apprezzata non solo in Italia ma in tutto il mondo, cancellando tra l’altro sempre più i falsi luoghi comuni “storici” di Torino città grigia, industriale, triste, buia, fredda, e chi più ne ha più ne metta…

Quale consiglio daresti ad un giovane che vuole vivere con la musica?
Di questi tempi, a un giovane consiglierei ahimè di valutare ben bene se di una passione farne una professione oppure no; purtroppo oggi, o sei veramente di un’altra categoria, o difficilmente riuscirai a vivere di musica, vuoi per la concorrenza spietata che c’è a livello prettamente di numero di musicisti diplomati sfornati continuamente dai Conservatori ogni anno rispetto alla richiesta lavorativa di tutte le istituzioni, vuoi per la considerazione che anche a livello di fondi statali da anni è ormai sempre più carente a livello politico, e vuoi anche per una serie di decine di cose che un musicista deve subire/ingoiare nella sua quotidiana carriera, che solo chi è dentro come me da ormai più di 22 anni può capire, e che riassumendo elegantemente può asserire che molto più spesso ultimamente sono più numerosi chiamiamoli gli “oneri” piuttosto che gli onori…
Quanto detto sopra dalla prima all’ultima frase, ovviamente si intende per l’ambiente che frequento io, ovvero il classico, anche se quel che mi arriva da molti colleghi/amici provenienti da Pop, Rock e/o Jazz non è da meno, anzi, forse è pure peggio purtroppo…
Per cui caro giovane, pensaci bene e “pesa” veramente tutto quanto, pro ma soprattutto contro…!

Quale composizione o autore consiglieresti ai nostri lettori?
Il consiglio è sempre difficile da dare visti i più di 400 anni di “range” musicale che abbiamo, ma personalmente sono certo che tralasciando i classicissimi che tutti conoscono, consigliando le sinfonie di Tchaikovsky, piuttosto che quelle di Shostakovic o quelle di Mahler, oltre che a varie composizioni di Ravel, Gershwin, Bernstein, Respighi, Prokofiev e Rimsky-Korsakov, dovrei andare abbastanza sul sicuro!
Nello specifico direi che in assoluto nel cuore ci sono il  Concerto per Pianoforte e Orchestra n° 3 di Rachmaninov, il Concerto per Violino e Orchestra di Tchaikovsky, la Suite Sinfonica Shèhèrazade di Rimsky-Korsakov e i celeberrimi Carmina Burana di Carl Orff.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: