La chitarra: Segovia

Andres

Segovia è “la chitarra”. Senza questo grande uomo ed artista oggi non esiterebbero gran parte delle composizioni per chitarra del ‘900, non sarebbe facile assistere a concerti, gli studenti userebbero ancora metodi didattici non adatti all’epoca attuale, e le chitarre non avrebbero quella espressività e potenza necessari per avere dignità al pari di strumenti quali pianoforte, violino e violoncello.

Per comprendere appieno l’apporto che Segovia donò alla chitarra (pari solo a quello che fece Paganini con il violino), cito una sua frase: “Io voglio che la chitarra vada avanti dopo di me”.

E’ un artista che certo non ha bisogno di elogi ed encomi; molto più interessante è entrare nel personaggio e nel musicista Segovia.

La vita

Segovia studiò da autodidatta, all’età di sedici anni fece la sua prima apparizione in pubblico e pochi anni dopo a Madrid il suo primo concerto professionistico.

Negli anni a seguire la sua fama si consolidò in tutta Europa, e dal 1928, dopo il suo primo concerto a New York, anche in America. Nel 1936 successivamente allo scoppio della guerra civile in Spagna si rifugiò a Montevideo, ritornò nel suo paese natio solo 10 anni dopo. La sua carriera concertistica proseguì fino al 1987 quando a Madrid all’età di 93 tenne la sua ultima esibizione.

Vinse diverse premi tra i quali un Grammy Award alla carriera e Grammy Award alla miglior interpretazione solista di musica classica senza orchestra, tenne inoltre dei corsi di perfezionamento musicale e chitarristico alla prestigiosa “Accademia Chigiana di Siena”. Morì il 3 giugno del 1987, presso la casa di Madrid, per un’insufficienza cardiaca.

L’opera

L’opera musicale portata avanti da Segovia nel corso degli anni può essere divisa in tre grossi filoni :

1-Dotazione della chitarra di un repertorio ricco e adeguato, sia attraverso la trascrizione delle opere di grandi compositori dell’età barocca e romantica (come Bach, Handel, Scarlatti, Mendelssohn, Chopin) sia stimolando autori suoi contemporanei quali Heitor Villa-Lobos, Mario Castelnuovo-Tedesco, Joaquin Rodrigo, Manuel Ponce, Joaquin Turina e Alexandre Tansman.

Segovia compose poche opere. La più conosciuta è “Estudio sin luz” in Si minore, dedicata al suo amico Pepe Rubio, che venne scritta nel 1953 durante il suo ricovero all’ospedale per un’operazione agli occhi.

2-Razionalizzazione e sviluppo della didattica e tecnica chitarrista, e revisione della diteggiatura di composizioni musicali.

3-Spinta nella costruzione di strumenti dotati di caratteristiche di potenza sonora e brillantezza necessarie per l’esibizione nelle grandi sale da concerto. Altro fattore importante che Segovia appoggiò con decisione fu quello delle ricerche del liutaio americano Albert Augustin riguardo all’utilizzo delle corde di nylon, in grado di produrre un suono più forte e costante, al posto di quelle in budello. Segovia iniziò la sua carriera suonando chitarre della bottega di Manuel Ramírez per poi passare a strumenti costruite dal liutaio Herman Hauser per ritornare alla fine della carriera a chitarre di Ramirez

Entrambe le sue chitarre storiche, la Ramirez/Hernandez del 1912 e la Hauser del 1937, furono donate al Metropolitan Museum di New York con la prescrizione che non venissero mai più imbracciate da alcun chitarrista.

Per finire, un’altra citazione di una frase pronunciata dallo stesso Segovia:

L’artista è un uomo come gli altri, e non deve mai innamorarsi di se stesso. Perderebbe irrimediabilmente qualcosa…Come gli altri, con in più un dono meraviglioso: e per questo dono dev’essere sempre vicino ad ogni altro uomo.

Ecco l’elenco completo dei dischi della Biblioteca Della Corte in cui si può ascoltare la chitarra di Segovia.

The American Decca Recordings 1 (6 CD): 11.F. 555
The HMV Recordings (1927-1939) (2 CD): 05.F. 746
Poet of the guitar:  05.F.1489
Johann Sebastian Bach -Opere varie: 05.F. 789
Mario Castelnuovo Tedesco: 05.F. 752
American recordings vol.1: 11.F. 276
Studies for guitar: 05.F. 751

Altri (Autori e opere varie):
15.F.4972 -13.F. 390 – AMA.F.137 – 10.F.292 – 05.F. 748 – 05.F.1061 – MC.1142 – 05.F.1062 – 05.F. 749 – 05.F. 750 – 05.F.1562 – 05.F. 929 – 05.F. 747

Ecco invece dove trovare il suo Estudio Sin Luz, una delle sue rare composizioni:

Estudio Sin Luz
Sevilla [guitar recital] di Ernesto Bitetti: 05.F.671
A tribute to Segovia: 05.F.795
Christopher Parkening: 05.F.941

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: